XBRLè uno standard aperto per la comunicazione elettronica commerciale e di dati finanziari. XBRL è essenzialmente un dizionario di etichette (tags) che vengono applicate a ciascun elemento di una relazione finanziaria. Questo informa il software standard di quello che un oggetto rappresenta e di come si rapporta agli altri oggetti nella relazione, un po’ come dare un codice a barre individuale a ciascun elemento della relazione.
 
XBRL è stato sviluppato con l’obiettivo di rendere comprensibile il sistema di dati. XBRL è costruito su XML e si basa sul concetto di metadato, offre un contesto all’informazione, rendendo i dati quasi auto evidenti. Dovunque il dato XBRL si muova, porta con se il suo contesto, rendendosi intellegibile e così qualsiasi applicazione software lo può interpretare e processare. Cioè in XBLR un numero non è semplicemente 5.000.000 ma ha associati dei dati aggiuntivi e un contesto. In XBRL lo stesso numero è capito come 5.000.000 Euro è il guadagno della ditta “X” per un dato prodotto per un dato trimestre per un dato anno. In altre parole, elementi descrittivi tipo valuta, periodo, ecc, diventano parte integrante del numero stesso. Questo approccio permette agli utenti di confrontare le etichette di una ditta tra periodi diversi o di confrontare etichette tra aziende.
 
In più, le etichette informative possono essere in qualsiasi lingua e si possono anche aggiungere riferimenti legali o letteratura autorevole. Insieme agli attributi di base, si possono memorizzare in modo leggibile al sistema anche le interrelazioni tra i dati. In questo modo, XBRL può conservare i calcoli tra i vari dati o il modo nel quale devono essere mostrati e così via. Una delle caratteristiche principali di XBRL è la sua estensibilità. La sua capacità di adattarsi per soddisfare le esigenze delle relazioni finanziarie rende XBRL più attraente e utile. Qualsiasi tipo d’informazione non strutturata, raccolta da molteplici fonti e formati, può essere strutturata con XBRL.
 
XBRL si sta rapidamente diffondendo nel mondo con la crescente partecipazione sia di singoli paesi sia di organizzazioni internazionali. È ora lo standard mondiale per relazioni finanziarie e commerciali. Molte agenzie di controllo nel mondo, incluso Banche centrali, Registri delle imprese, Autorità fiscali, Agenzie di controllo del mercato, Borse, hanno adottato XBRL.
 
In Italia, InfoCamere è stata all’avanguardia nell’uso di XBRL. La prima direttiva è del 2009 e dal 2015 è applicabile la revisione degli scopi di archiviazione in XBRL. La Banca d’Italia, la banca centrale italiana, ha adottato la tassonomia DPM come pubblicata da EBA per le relazioni CRD IV (Direttiva sui requisiti patrimoniali).